Sei in > Home > Formaggio > Vaciarin P.A.T.

Vaciarin P.A.T.

Formaggio grasso, fresco, a pasta molle.

Il Vaciarin si inserisce storicamente nella serie dei formaggi poveri dei poveri. L'assenza di riscaldamento del latte e di salatura, dimostra quante poche risorse avevano in passato i contadini della Val Sesia. Ora è un prodotto apprezzato per la freschezza. Anche come antipasto o dessert.

Scheda analitica

Storia

Se nelle case delle famiglie contadine c'era anche una sola vacca, il Vaciarin era il risultato della lavorazione del poco latte munto. Per fare questo latticino non si consumava neppure la legna per il fuoco, in quanto veniva cagliato appena munto. Non si usava nemmeno il sale, perché costava.

Tipologia di formaggio per tipo di lavorazione

Pasta molle

Tecnologia di lavorazione

Il latte crudo appena munto, senza alcun riscaldamento, viene addizionato con caglio di vitello liquido. La cagliata, presamica, viene rotta in modo grossolano e posta nelle fuscelle. Dopo l’estrazione, le forme vengono avvolte con teli di cotone e lasciate ad asciugare. Dopo circa 3 ore, si aggiungono altri teli di cotone. La salatura è assente.

Maturazione/Stagionatura

Si consuma subito.

Caratteristiche del formaggio

Formaggio senza crosta, con pasta molle, molto umida, di colore bianco. L'occhiatura è assente, o molto rada, di dimensione fine.

Tipologia di formaggio al consumo

Formaggio grasso, fresco, a pasta molle.

Intensità aromatica e sensazioni

Bassa.

Abbinamenti

Si consuma condito con olio, sale e pepe, oppure con miele di acacia. Si abbina a vini bianchi di bassa gradazione alcolica.

Lascia un Commento

Inizia una nuova discussione

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>