Sei in > Home > Formaggio > Tomino di S. Giacomo di Boves P.A.T.

Tomino di S. Giacomo di Boves P.A.T.

Formaggio grasso, fresco, a pasta molle.

Quando il latte era prodotto e consumato dalle famiglie contadine e ne rimaneva un po’, lo si utilizzava per fare questo piccolissimo formaggio. Oggi, con una tecnica tramandata di generazione in generazione, viene prodotto con latte di vacca in tutto il periodo dell'anno. In primavera si concede al latte di capre e pecore per dare vita ad aromi particolari.

Scheda analitica

Storia

Formaggio che faceva parte dell’alimentazione primaria delle famiglie contadine, vista anche la non complicata tecnica produttiva che si tramanda di padre in figlio.

Tipologia di formaggio per tipo di lavorazione

Pasta molle

Tecnologia di lavorazione

Il latte viene riscaldato alla temperatura di 35° e addizionato con caglio di vitello liquido o in polvere. La cagliata, presamica, viene rotta alle dimensioni di una nocciola. Dopo che la pasta si è depositata sul fondo della caldaia, dove resta un po’, si effettua l'estrazione in fuscelle. La salatura è a secco.

Maturazione/Stagionatura

Pronto al consumo dopo 2 giorni.

Caratteristiche del formaggio

Il formaggio non ha crosta, è di colore bianco. La pasta è morbida, abbastanza elastica, untuosa, umida, di colore bianco. L'occhiatura è assente.

Tipologia di formaggio al consumo

Formaggio grasso, fresco, a pasta molle.

Intensità aromatica e sensazioni

Bassa.

Abbinamenti

Formaggio da tavola.

Note

In primavera, viene prodotto anche con latte di capra e pecora.

Lascia un Commento

Inizia una nuova discussione

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>