Sei in > formaggio.it > Formaggio > Caciotta P.A.T. (Marche)

Caciotta P.A.T. (Marche)

Formaggio grasso, di breve o media stagionatura, a pasta semidura.

Formaggio che si porta dietro secoli di storia. Nato, come molti formaggi, come cibo povero. Fatto con latte di vacca eventualmente addizionato con latte di pecore e capra, a seconda delle disponibilità. Fulgido esempio della tradizione casearia marchigiana, tipicamente naturale, che fa uso anche di coadiuvanti come le foglie di noce, che l'avvolgono e gli caratterizzano le proprietà organolettiche.

Scheda analitica

Zona di produzione

  • Marche
  • Emilia-Romagna

Territorio di produzione

Marche, in particolare nella zona del Montefeltro. Parte dell'Emilia Romagna.

Origine

  • Latte di Capra
  • Latte di Pecora
  • Latte di Vacca

Periodo di produzione

gen
feb
mar
apr
mag
giu
lug
ago
set
ott
nov
dic

Forma e dimensione

Forma cilindrica a facce piane del diametro di 10-22 cm, scalzo convesso, alto 4-7 cm. Il peso varia da 0,7 a 2 kg.

Storia

Formaggio denominato “ducale”, perché i duchi di Montefeltro ne curarono la produzione casearia. Fu menzionato nel 1545 nel “Commento alle Costituzioni del Ducato di Urbino”, di Solone di Campello.

Tipologia di formaggio per tipo di lavorazione

Pasta semidura

Tecnologia di lavorazione

Il latte crudo viene addizionato con caglio. La cagliata, presamica, subisce una rottura, a mano o con attrezzi manuali, alle dimensioni di un chicco di riso. Segue una semicottura a 43-44°. Dopo l’estrazione a mano, la pasta trova posto nelle fuscelle, per una pressatura a mano. Le forme vengono poi scottate nel siero bollente e in seguito asciugate. La salatura è a secco.

Maturazione/Stagionatura

Variabile, a seconda della zona di produzione. Nel Montefeltro viene stagionato almeno 2 mesi dentro a botti o cassettoni di legno, mastelli o anfore di terracotta e può anche essere avvolto in foglie di noce.

Caratteristiche del formaggio

La crosta è dura, liscia, di colore paglierino, con macchie marroni causate dalle foglie di noce. La pasta è compatta, semidura, di colore avorio o paglierino, in funzione della stagionatura. L'occhiatura varia in base al territorio di produzione.

Tipologia di formaggio al consumo

Formaggio grasso, di breve o media stagionatura, a pasta semidura.

Intensità aromatica e sensazioni

Bassa, medio bassa o media, a seconda della zona di produzione e della stagionatura.

Abbinamenti

Si consuma in purezza o con pane casereccio. Si accosta a verdure di stagione e a vini rossi, di bassa gradazione alcolica.

Valori nutrizionali per 100 gr

  • Valore energetico
    253 Kcal
  • Grassi
    22,78 g
  • Proteine
    9,15 g

Note

Non si deve confondere con la Casciotta d'Urbino, formaggio D.O.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizia una nuova discussione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci per inserire la tua Azienda su formaggio.it

Accetto l'informativa sulla privacy

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×